Biblioteca L. Jacobilli

Percorso:  [1] Home page > [2] Storia > Biografia di L. Jacobilli

Ludovico Jacobilli (1598-1664)


Foligno, chiesa di S. Feliciano di Mormonzone. Particolare del 'Martirio di S. Feliciano' (sec. XVII). Secondo M. Faloci Pulignani, sarebbe il ritratto di Ludovico Jacobilli.


Ludovico nasce a Roma il 13 giugno 1598 da Angelo e Camilla Scarinci.

Compie i primi studi a Foligno, poi a Roma presso il Collegio Romano dei Gesuiti, infine all'Università di Perugia, dove si laurea in diritto civile e canonico.

Si stabilisce quindi a Foligno e nel 1622 è ordinato sacerdote.

Si dedica al ministero sacerdotale assumendo incarichi vari in chiese e confraternite della città, prediligendo l'Oratorio del Buon Gesù, fondato dal beato G. Battista Vitelli sulla scia dell'esperienza avviata a Roma da S. Filippo Neri.

Nel 1652 è a Nocera Umbra per la visita pastorale di quella diocesi, ordinata dal vescovo Mario Montani Cobellucci.

Appassionato, fin da giovane, della ricerca erudita, Ludovico raccoglie una infinità di notizie, trascrivendo documenti, visitando archivi e biblioteche, acquistando libri per la sua ricca biblioteca privata. Da questa sua attività scaturisce un'abbondante produzione a stampa, soprattutto di carattere agiografico. Da ricordare: Vite de' Santi e Beati di Foligno [O]; i tre tomi delle Vite de' Santi e Beati dell'Umbria [U]; il Discorso della città di Foligno, Di Nocera e sua diocesi... discorso historico. Pubblica anche una sorta di repertorio bibliografico regionale: Bibliotheca Umbriae [B]. Ma la parte maggiore del suo lavoro è restata manoscritta e lasciata in eredità, insieme ai libri della sua biblioteca, al Seminario di Foligno.

Ludovico Jacobilli muore a Foligno il 13 marzo 1664.

[T] Torna indietro | [I] Inizio pagina